Come si può aiutare un mormone a uscire dalla setta?

Moderatore: Mod

Come si può aiutare un mormone a uscire dalla setta?

Messaggioda Mari » sab dic 10, 2011 11:05 pm

Ciao!

Ho ricevuto una richiesta di aiuto da parte di un amico, Gabriele, il quale ha la fidanzata mormone e, credendo io fossi una ex membro di questo culto, mi chiedeva cosa mi avesse portata ad aprire gli occhi e ad uscire da quel culto. Chiedeva delle dritte per far uscire anche la sua ragazza e la sua famiglia perchè lui, nonostante le sue continue preghiere, non ci sta riuscendo
Io naturalmente non ne so nulla, essendo invece una ex TdG, e l'ho quindi indirizzato a questo forum suggerendogli di iscriversi per chiedere direttamente a voi l'aiuto necessario.

Spero di cuore che almeno voi possiate aiutarlo
Leggerò anch'io, con interesse, i suggerimenti che gli darete perchè ora ho preso a cuore questa storia

Mari
Mari
Nuovo Utente
 
Messaggi: 42
Iscritto il: dom set 14, 2008 11:40 am

Re: Come si può aiutare un mormone a uscire dalla setta?

Messaggioda francocoladarci » sab dic 10, 2011 11:44 pm

Il tuo amico potrebbe leggere le informazioni su questo link.
http://educala.altervista.org/lds/tract2it.html
Ciao
Franco
Avatar utente
francocoladarci
Nuovo Utente
 
Messaggi: 141
Iscritto il: mer giu 04, 2008 7:08 pm

Re: Come si può aiutare un mormone a uscire dalla setta?

Messaggioda Trianello » mer dic 14, 2011 9:38 am

I mormoni sono sottoposti ad un processo di indottrinamento molto più sottile di quello che subiscono i TdG, per cui è, se vogliamo, ancora più difficile far aprire gli occhi ad un mormone rispetto ad un TdG. La mia proposta è quella di lavorare a livello di quella che noi chiameremmo "teologia fondamentale". La teologia dei mormoni, così come è generalmente proposta dai missionari, è davvero coerente? Quali sono le credenziali del libro di Mormon quale parola di Dio?
Trianello

Deus non deserit si non deseratur
Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Veterano
 
Messaggi: 1136
Iscritto il: gio mar 23, 2006 7:24 am
Località: Roma

Re: Come si può aiutare un mormone a uscire dalla setta?

Messaggioda agape » mer gen 04, 2012 12:09 pm

Mari ha scritto:Ciao!

Ho ricevuto una richiesta di aiuto da parte di un amico, Gabriele, il quale ha la fidanzata mormone e, credendo io fossi una ex membro di questo culto, mi chiedeva cosa mi avesse portata ad aprire gli occhi e ad uscire da quel culto. Chiedeva delle dritte per far uscire anche la sua ragazza e la sua famiglia perchè lui, nonostante le sue continue preghiere, non ci sta riuscendo
Io naturalmente non ne so nulla, essendo invece una ex TdG, e l'ho quindi indirizzato a questo forum suggerendogli di iscriversi per chiedere direttamente a voi l'aiuto necessario.

Spero di cuore che almeno voi possiate aiutarlo
Leggerò anch'io, con interesse, i suggerimenti che gli darete perchè ora ho preso a cuore questa storia

Mari

Per curiosità, qualcuno ha risposto al tuo appello? Mi spiego meglio: hai trovato qualche ex mormone disposto a raccontare la sua esperienza personale e a fornire un punto di vista "dall'interno"?
Personalmente, non sono mai riuscito a parlare con questa categoria di persone, al contrario di tanti altri "ex" di differenti gruppi religiosi.
I Mormoni italiani sono pochi, e quindi è difficile trovare anche gli "ex". I dirigenti dichiarano 25.000 fedeli, ma si tratta di una cifra gonfiata che comprende anche i battezzati persi di vista o gli "inattivi" (=non praticanti).
agape
Nuovo Utente
 
Messaggi: 17
Iscritto il: gio giu 24, 2010 6:02 pm

Re: Come si può aiutare un mormone a uscire dalla setta?

Messaggioda Trianello » mer gen 04, 2012 2:28 pm

Caro Agape, noto che non hai inserito alcuna tua presentazione nell'apposita sezione del Forum. Ti prego, pertanto, di volerlo fare al più presto.
Trianello

Deus non deserit si non deseratur
Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Veterano
 
Messaggi: 1136
Iscritto il: gio mar 23, 2006 7:24 am
Località: Roma

Re: Come si può aiutare un mormone a uscire dalla setta?

Messaggioda annetta » gio mar 28, 2013 12:48 pm

Io sono sempre stata cattolica praticante, tuttavia ho degli amici mormoni che sul piano umano stimo molto. Vedi, per anni ho frequentato i loro corsi di inglese e questo mi ha consentito di avvicinare molti missionari con cui ho fatto amicizia. ho conosciuto abbastanza la loro religione e anche diversi membri italiani della loro chiesa. Innanzitutto devo dire che ho notato più fanatismo negli italiani convertiti da adulti che nei missionari americani, i quali spesso sono mormoni da diverse generazioni. A mio parere questo dipende dal fatto che gli americani in genere sono abituati da una vita a vivere in un contesto culturale multietnico, multirazziale e multireligioso quali sono gli USA. Gli italiani convertiti spesso adducono come pretesto per giustificare la loro conversione, il fatto che nella chiesa cattolica non ci sia un clima di fratellanza, non si studino le Scritture, manchi la solidarietà, e soprattutto da un certo punto in avanti il papa e tutto il clero cattolico abbia commesso degli errori, adesso poi le persone di tutte le religioni, compresi gli atei, sottolineano continuamente lo scandalo dei preti pedofili. Io ammetto che nella chiesa cattolica siano stati fatti degli errori e si continui a farne, perchè comunque le chiese sono istituzioni umane, però quando ho provato a frequentare le serate familiari dei mormoni e a sentire la loro teologia, mi ha lasciata di stucco sentire che secondo loro Dio Padre ha una moglie, ma non si sa chi sia, poi ho letto su Internet che pensano addirittura che ne abbia più di una, che avrebbe avuto una relazione sessuale con Maria da cui sarebbe nato Gesù. Sinceramente per la mia coscienza di cattolica queste cose sono blasfeme e aberranti, è come se un giorno mi dicessero che mia madre era una prostituta, anche se almeno mia madre era un essre umano segnato dal peccato originale. Senza dire che leggendo il libro di Mormon ho scoperto che pensano che la gente dalla pelle scura è tale per una punizione divina. Ma questo è razzismo bello e buono! A volte invidiavo addirittura altre ragazze, forse più superficiali di me, che riuscivano a convertirsi e quindi a volte, a sposare i missionari. Io tornavo da quelle serate familiari angosciata, piangevo, soffrivo che degli amici a cui io mi ero affezionata, potessero credere in cose così aberranti, cercavo di auto convincermi che tutto sommato il loro Dio fosse anche il mio Dio, sebbene le nostre visioni fossero così diverse. Nella chiesa cattolica ci potranno anche essere preti pedofili, intrighi economici poco puliti in Vaticano, però dai preti al Papa, sono tutti esseri umani, Dio per noi cattolici è perfetto, quindi non vive la sessualità perchè oltretutto è un essere spirituale senza corpo e anche quando si è fatto carne in Gesù Cristo era sempre perfetto, quindi bastante a se stesso, senza il bisogno di soddisfare i suoi appettiti sessuali o comunque se anche come uomo li aveva, riusciva a resistere alle tentazioni come Dio. Dio non vuole possedere nessuno con avidità, ama tutto il genere umano gratuitamente, lasciando libertà a ciascuno di noi, anche di non corrisponderlo nel Suo amore, non è insomma caratterizzato dalla concupiscenza. Maria sarebbe morta piuttosto che avere una relazione sessuale con uomo a cui non era promessa in sposa, almeno che quest'uomo non l'avesse violentata, ma allora Dio Padre non sarebbe stato l'Amore con la A maiuscola se avesse voluto possedere con la forza. Quanto al fatto che nella chiesa cattolica non ci sia fratellaza o solidarietà, dipende. Io nella mia parrocchia, seppur con alti e bassi, perchè come ripeto le chiese sono fatte di esseri umani, clero e laici compresi, che ti possono sempre deludere, mi sento come in una seconda famiglia. Frequento anche il Rinnovamento nello Spirito Santo e lì il clima di fratellanza è fortissimo. Insieme a mio marito, che condivide con me il cammino di fede, seguo dei corsi sulla Bibbia presso il seminario della nostra diocesi, quindi non è vero che la chiesa cattolica non offre la possibilità di seguire corsi sulle Scritture. Insomma, sono tanto contenta di essere cattolica, mi dà pace, è bellissimo fare l'adorazione del Santissimo, però continuo ad avere un bel ricordo di alcuni missionari mormoni conosciuti in passato e penso che loro siano in buona fede, così gli è stato insegnato da quando sono nati. Sono in buoni rapporti anche con alcuni membri italiani della loro chiesa perchè sono brave persone, anche se li capisco già di meno. Annetta.
annetta
Nuovo Utente
 
Messaggi: 2
Iscritto il: mar mar 12, 2013 7:32 pm

Re: Come si può aiutare un mormone a uscire dalla setta?

Messaggioda Hermes » dom dic 22, 2013 8:56 pm

annetta ha scritto:Io sono sempre stata cattolica praticante, tuttavia ho degli amici mormoni che sul piano umano stimo molto. Vedi, per anni ho frequentato i loro corsi di inglese e questo mi ha consentito di avvicinare molti missionari con cui ho fatto amicizia. ho conosciuto abbastanza la loro religione e anche diversi membri italiani della loro chiesa. Innanzitutto devo dire che ho notato più fanatismo negli italiani convertiti da adulti che nei missionari americani, i quali spesso sono mormoni da diverse generazioni. A mio parere questo dipende dal fatto che gli americani in genere sono abituati da una vita a vivere in un contesto culturale multietnico, multirazziale e multireligioso quali sono gli USA.

In verità la maggior parte dei missionari viene dallo Utah, dove il contesto non è multiculturale come nel resto degli USA, ciò è ancora più evidente nelle piccole città. E' vero comunque che c'è meno fanatismo, ma c'è anche un certo provincialismo...

Gli italiani convertiti spesso adducono come pretesto per giustificare la loro conversione, il fatto che nella chiesa cattolica non ci sia un clima di fratellanza, non si studino le Scritture, manchi la solidarietà, e soprattutto da un certo punto in avanti il papa e tutto il clero cattolico abbia commesso degli errori, adesso poi le persone di tutte le religioni, compresi gli atei, sottolineano continuamente lo scandalo dei preti pedofili. Io ammetto che nella chiesa cattolica siano stati fatti degli errori e si continui a farne, perchè comunque le chiese sono istituzioni umane,

La mancanza di una vera comunità nelle parrocchie cattoliche è un problema grave e ancora sottovalutato. Nella società anonima di oggi impegnarsi nel creare una comunità, e stare vicino alle persone sole è questione che dovrebbe appellare allo spirito caritativo cristiano... però è meno cool di altre attività.

però quando ho provato a frequentare le serate familiari dei mormoni e a sentire la loro teologia, mi ha lasciata di stucco sentire che secondo loro Dio Padre ha una moglie,

E' un concetto al quale oggi tengono molto varie teologhe femministe mormoni, le quali considerano Dio sia padre che madre.

ma non si sa chi sia, poi ho letto su Internet che pensano addirittura che ne abbia più di una,

Si tratta di speculazioni che non sono dottrina.

che avrebbe avuto una relazione sessuale con Maria da cui sarebbe nato Gesù.

E' una di quelle credenze che fanno parte del folclore spirituale di tanti mormoni. Tuttavia non è dottrina ufficiale mormone.

Sinceramente per la mia coscienza di cattolica queste cose sono blasfeme e aberranti, è come se un giorno mi dicessero che mia madre era una prostituta, anche se almeno mia madre era un essre umano segnato dal peccato originale.

Invece pensa che delle teologhe mormoni sono state scomunicate proprio perché insistevano troppo in queste ricerche, considerandole importanti per ridare alla donna una posizione paritaria nell'ambito della cultura mormone.

Senza dire che leggendo il libro di Mormon ho scoperto che pensano che la gente dalla pelle scura è tale per una punizione divina. Ma questo è razzismo bello e buono!

Nella letteratura del XIX secolo si trattava di un'idea diffusa.
Vero, è una parte della storia e della cultura mormone con la quale ancora si stanno facendo i conti. Per onestà però bisogna dire che Joseph Smith aveva ordinato anche sacerdoti neri, e che solo con i suoi successori ciò venne negato.

A volte invidiavo addirittura altre ragazze, forse più superficiali di me, che riuscivano a convertirsi e quindi a volte, a sposare i missionari. Io tornavo da quelle serate familiari angosciata, piangevo, soffrivo che degli amici a cui io mi ero affezionata, potessero credere in cose così aberranti, cercavo di auto convincermi che tutto sommato il loro Dio fosse anche il mio Dio, sebbene le nostre visioni fossero così diverse. Nella chiesa cattolica ci potranno anche essere preti pedofili, intrighi economici poco puliti in Vaticano, però dai preti al Papa, sono tutti esseri umani, Dio per noi cattolici è perfetto, quindi non vive la sessualità

Qualcuno potrebbe dire che considerare la sessualità un atto di per sè impuro, è uno dei difetti di certo cristianesimo, alla pari di certi difetti culturali dei mormoni.
Comunque sia, per la dottrina mormone ufficiale attuale, Dio NON vive alcuna sessualità, non viene spiegato in questo modo la generazione di esseri spirituali da parte del creatore.

perchè oltretutto è un essere spirituale senza corpo e anche quando si è fatto carne in Gesù Cristo era sempre perfetto, quindi bastante a se stesso, senza il bisogno di soddisfare i suoi appettiti sessuali o comunque se anche come uomo li aveva, riusciva a resistere alle tentazioni come Dio. Dio non vuole possedere nessuno con avidità, ama tutto il genere umano gratuitamente, lasciando libertà a ciascuno di noi, anche di non corrisponderlo nel Suo amore, non è insomma caratterizzato dalla concupiscenza. Maria sarebbe morta piuttosto che avere una relazione sessuale con uomo a cui non era promessa in sposa, almeno che quest'uomo non l'avesse violentata, ma allora Dio Padre non sarebbe stato l'Amore con la A maiuscola se avesse voluto possedere con la forza.

Tutto questo non ha a che fare con la dottrina mormone. Anche se certi membri ancora lo credono.

Quanto al fatto che nella chiesa cattolica non ci sia fratellaza o solidarietà, dipende. Io nella mia parrocchia, seppur con alti e bassi, perchè come ripeto le chiese sono fatte di esseri umani, clero e laici compresi, che ti possono sempre deludere, mi sento come in una seconda famiglia. Frequento anche il Rinnovamento nello Spirito Santo e lì il clima di fratellanza è fortissimo. Insieme a mio marito, che condivide con me il cammino di fede, seguo dei corsi sulla Bibbia presso il seminario della nostra diocesi, quindi non è vero che la chiesa cattolica non offre la possibilità di seguire corsi sulle Scritture. Insomma, sono tanto contenta di essere cattolica, mi dà pace, è bellissimo fare l'adorazione del Santissimo, però continuo ad avere un bel ricordo di alcuni missionari mormoni conosciuti in passato e penso che loro siano in buona fede, così gli è stato insegnato da quando sono nati. Sono in buoni rapporti anche con alcuni membri italiani della loro chiesa perchè sono brave persone, anche se li capisco già di meno. Annetta.

Comprensibili le riserve, e ce ne sarebbero molte altre... ma bisogna considerare che per comprendere davvero la dottrina mormone bisogna prima rendersi conto del vero significato delle immagini che usano, per non fraintenderne il significato, partendo da basi culturali e religiose molto diverse.
Avatar utente
Hermes
Nuovo Utente
 
Messaggi: 67
Iscritto il: mer mag 09, 2012 4:35 pm


Torna a Mormoni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron