INTERVISTA A UNA COPPIA DI EX NEOCATECUMENALI

In questa sezione gli utenti potranno raccontare le loro esperienze personali relative ai Movimenti Religiosi Alternativi.

Moderatore: Trianello

INTERVISTA A UNA COPPIA DI EX NEOCATECUMENALI

Messaggioda Trianello » ven dic 21, 2007 5:34 pm

PASSATI PER IL CAMMINO. INTERVISTA A UNA COPPIA DI EX NEOCATECUMENALI

05/04/2003
31805. CATANIA-ADISTA. Hermine Niess (ma in Italia tutti la chiamano Marina), è una donna austriaca di 61 anni. Dal 1972 è sposata con Concetto Bonaccorso, che oggi ha 57 anni. Dal loro matrimonio sono nati tre figli: Raffaella, Elisabetta ed Alfredo. Concetto e Marina per 15 anni sono stati nel Cammino neocatecumenale: hanno perciò avuto modo di conoscerlo in profondità, arrivando anche a diventare catechisti del movimento. Poi, dopo un periodo di sofferto travaglio, hanno deciso di chiudere quell'esperienza, rileggendo criticamente le loro scelte e le enormi contraddizioni che sembrano attraversare questa discussa esperienza di vita cristiana, che ha ricevuto solo pochi mesi fa (era il 29 giugno 2002) l'approvazione pontificia. Hanno recentemente scritto un dettagliato racconto dei loro anni trascorsi nel Cammino, pubblicato sull'ultimo numero de "Il cristiano fedele", foglio settimanale della parrocchia Beata Vergine Maria del Monte Carmelo, la parrocchia dove è parroco don Elio Marighetto, sacerdote che da anni studia il movimento fondato da Kiko Argüello e Carmen Hernandez. Li abbiamo intervistati, chiedendo loro di raccontarci il Cammino visto "dal di dentro".

M: Innanzitutto voglio premettere che con la mia testimonianza voglio rendere un servizio alla Chiesa, non denigrarla. Io amo la Chiesa. La mia intenzione è solo quella di fare luce su una realtà che tradisce gli ideali evangelici. Ritengo che sul Cammino neocatecumenale sia necessario fare opera di verità. Da quando ne sono uscita, poi, la mia vita è diventata più serena. Vorrei che la stessa cosa potesse avvenire anche per altre persone, che magari si trovano ancora, tra mille conflitti, all'interno di questa esperienza. Tanti vivono infatti situazioni di dubbio, di conflitto o di rassegnazione all'interno del movimento, in uno stato di sudditanza senza speranza di riscatto.


Quanto tempo siete stati nel Cammino?
M: Siamo entrati nel Cammino nel 1984 e ne siamo usciti nel 1999. Ho conosciuto il Cammino neocatecumenale grazie alla mia professione di fisioterapista. Fu la madre d'una bambina che avevo in cura a farci conoscere questa realtà. Volevo da tempo provare a fare un'esperienza coinvolgente a livello umano e religioso; così accolsi il suo invito a partecipare agli incontri.

Che ruolo avevate all'interno del Cammino?
M: Siamo arrivati ad essere nominati catechisti, anche se non abbiamo mai effettivamente esercitato questa funzione. All'interno del Cammino c'è una rigida gerarchia per cui le persone che hanno cariche inferiori devono sempre rendere conto di ciò che fanno e di ciò che succede nei loro gruppi alle persone di grado superiore, fino a Kiko e Carmen che sono al vertice di questa piramide. Ci sono "capi catechisti" in ogni diocesi, che riferiscono direttamente a Kiko. Le decisioni prese in quella sede vengono trasmesse, attraverso la Convivenza di Riporto, ai catechisti regionali. Questi, le comunicano ai catechisti provinciali e a quelli delle singole comunità.

Dove stava la vostra comunità?
M: Nella parrocchia di Crocifisso dei Miracoli, a Catania. La nostra comunità inizialmente era formata da trenta-quaranta persone. Però adesso non c'è più quasi nessuno di quel gruppo: sono tutti usciti o in crisi. Quando le comunità diventano troppo piccole spesso viene fatta una fusione con un'altra comunità che si trovi nella stessa tappa del cammino: così è accaduto anche alla nostra. Queste fusioni creano spesso grandissime tensioni, perché ciascuna comunità è abituata a vivere in maniera separata, con dinamiche particolarissime. Quando più comunità vengono a contatto la cosa non è facile.

Qual è la ragione per cui voi siete usciti?
M: La ragione fondamentale è che ci siamo accorti che c'era una pressione incredibile esercitata dall'esterno sulla nostra vita personale, intima, che era esposta davanti a tutti. La mia vita matrimoniale, la mia situazione economica, tutto era sottoposto al giudizio. Spesso ci veniva chiesto conto del fatto che non pagavamo regolarmente la decima su tutto ciò che guadagnavamo, oppure che i soldi raccolti non erano sufficienti alla sopravvivenza della comunità.
C: Dovevamo dare il denaro. Se qualcuno non dava tutti i soldi richiesti era considerato un avido, un vigliacco, uno legato agli idoli. Dovevamo mettere i soldi in un sacco nero. Quindi teoricamente non c'era controllo sui soldi che ciascuno donava. Però si sapeva che tipo di reddito poteva avere ciascuno di noi. Quindi, a fine raccolta, i catechisti sapevano quanto, più o meno, doveva esserci nel sacco. Se la cifra non corrispondeva a questi calcoli, venivamo rimproverati aspramente.

Da che momento del Cammino cominciavano a richiedere la decima?
C: Dal momento della preghiera, che corrisponde al secondo passaggio, dopo 3-4 anni circa.

Come e quando si svolgono gli scrutini?
C: Sono i catechisti a decidere quando la comunità è pronta a passare ad una fase successiva del cammino. Solo allora i membri della comunità vengono interrogati dai catechisti, che fanno domande riguardanti la vita personale, per saggiare il livello di conversione alla fede di ciascuno. Gli scrutini si svolgono all'interno di saloni parrocchiali o in qualche salone degli alberghi dove si svolgono le convivenze. Di solito si svolgono la sera, dopo le 21 (e si protraggono, a volte, fino all'1.30). Ogni membro della comunità viene a turno fatto sedere avanti al crocifisso e di fronte all'équipe di catechisti e l'interrogatorio avviene davanti a tutti gli altri fratelli. La croce serve per far vedere, come prescrive Kiko, che i candidati si trovano davanti a Cristo, per cui in nessun modo si può mentire o essere reticenti. Le domande sono a tutto campo, e i catechisti non hanno riguardo per alcun tipo di privacy. Non fanno mai domande di carattere trascendente, ma si soffermano sempre a chiedere dei nostri rapporti coniugali, familiari, sessuali, sociali, lavorativi, ecc.

Da chi è composta l'équipe che compie lo scrutinio?
C: Interamente da laici, ad eccezione d'un membro che è il presbitero. Il suo ruolo però è del tutto marginale: i nostri scrutini erano sempre guidati dai laici. Se il sacerdote interviene è sempre per confermare quanto detto dai catechisti. Finito lo scrutinio, i catechisti si ritiravano per decidere tra loro se il candidato era o meno idoneo ad essere ammesso alla tappa successiva.
Spesso i contenuti dell'interrogatorio erano drammatici e succedeva che la gente si mettesse a piangere disperata. Alla presenza dei propri figli, genitori, consorti, si venivano a sapere particolari intimi, come le infedeltà coniugali. Ricordo che una coppia, davanti a tutti, apprese dalla figlia che aveva rapporti prematrimoniali col fidanzato. In un'altra occasione una donna raccontò i desideri sessuali del marito nei suoi confronti, per difendersi dalle accuse dei catechisti che ritenevano la coppia "chiusa alla vita".

Che vuol dire "chiusi alla vita"?
C: I neocatecumenali sostengono che nella Chiesa non è ammesso alcun metodo contraccettivo, neanche quelli naturali. Così chiunque aveva rapporti sessuali doveva evitare qualunque forma di controllo, fosse anche quello semplicissimo del calcolo dei giorni di maggiore o minore fertilità. Noi assistevamo attoniti agli interrogatori degli scrutini; però spesso questo tipo di situazioni creavano anche pettegolezzi e maldicenze tra di noi, specie su quelle persone che, prima di crollare di fronte ai catechisti, avevano sempre conservato ai nostri occhi un'aurea di santità. Ad ascoltare queste cose si diventa progressivamente cinici, insensibili alle sofferenza altrui. Ma l'intromissione nella vita privata delle persone non avviene solo durante gli scrutini. Se c'era ad esempio qualcuno che nella comunità non era ancora sposato, veniva preso di mira: gli dicevano "ma tu cosa cerchi?", "perché non ti sposi", "se sei ancora celibe vuol dire che ti masturbi, che non vivi in maniera casta", ecc. Insomma, per loro ad una certa età bisognava per forza o sposarsi o intraprendere la vita religiosa, altrimenti si era nel peccato. Assurdo. Per quanto riguarda la vita religiosa femminile, poi, per i neocatecumenali esistono solo le suore di clausura. Le altre suore per loro non servono.

Eravate sempre costretti o confessavate le vostre colpe anche in assenza di una sollecitazione esplicita?
C: Spesso le persone erano così soggiogate da queste dinamiche che confessavano cose intime anche quando non era esplicitamente richiesto. Questo ad esempio avveniva quando qualcuno di noi offriva una "testimonianza" del proprio cammino nella fede: in una assemblea regionale, un membro di un'altra comunità disse davanti a circa 300 persone di essersi unito a sua moglie durante la giornata trascorsa in albergo. A volte si confessavano colpe inventate o ingigantite, per non correre il rischio di essere chiamati davanti a tutti falsi o ambigui. Far vedere a tutti d'essere peccatori era quasi un motivo d'orgoglio, perché chi non aveva nulla da raccontare era visto da noi come un fariseo.

Se uno si rifiuta di raccontare?
C: Non era in comunione con la comunità e con Dio.

E il passaggio lo faceva lo stesso?
C: No, veniva respinto.

Succedeva?
C: A volte sì.

Chi conduceva gli scrutini della vostra comunità?
C: I catechisti della parrocchia di S. Leone Vescovo, a Catania; ma da dove venissero i nostri catechisti conta poco: gli scrutini li fanno nello stesso modo in tutto il mondo.

Non avevate catechisti interni alla vostra comunità parrocchiale?
C: I primi tempi avevamo catechisti del crocifisso dei Miracoli, la nostra parrocchia; dopo lo Shemà (una tappa del Cammino) abbiamo fatto la fusione con un'altra comunità che aveva catechisti di livello più alto, che venivano dalla I comunità di S. Leone, che è qui a Catania la parrocchia di riferimento per i neocatecumenali di tutta la città; un po' come lo è quella dei Martiri Canadesi a Roma.

Durante la Redditio la confessione viene resa non solo di fronte alla comunità neocatecumenale, ma di fronte a tutta l'assemblea riunita in Chiesa. È vero?
M: Questo è stato un altro motivo per cui sono uscita. Avevo fatto testimonianze davanti a mille, duemila persone. Ero stufa… La Redditio è la prima volta nel Cammino in cui recitiamo il credo. Prima di recitarlo, con la mano appoggiata alla croce, raccontiamo come era la nostra vita e come è diventata dopo aver conosciuto il Cammino. Per questa trasformazione avvenuta nella nostra vita affermiamo: "Credo in Dio Padre onnipotente, ecc…". Per l'occasione ci chiedono di invitare in chiesa amici, conoscenti, vicini di casa. E noi raccontiamo tutto, senza essere reticenti su nessun aspetto, anche il più intimo, della nostra vita.

Se qualcuno di voi dissentiva sul modo in cui i catechisti gestivano la comunità o sui contenuti delle catechesi?
C: Eravamo sempre d'accordo. Quando c'era qualche problema ci dicevano che loro erano gli annunciatori del kerigma, gli angeli inviati in nostro aiuto, le persone scelte da Dio per guidarci, che dovevamo rimanere al nostro posto. Se perseveravamo nella contestazione, voleva dire che eravamo presi dal demonio.
M: In principio qualcuno, anche mio marito, voleva esprimere dei dubbi, a volte polemizzare con alcune scelte: gli veniva detto che doveva limitarsi ad ascoltare, quasi non fosse in grado di intendere e di volere, e che potevamo solo essere guidati. Un giorno un catechista ci ha detto che tra di noi non ci sarebbe mai stata amicizia.

Cosa intendeva?
M: Che il loro compito era quello di farci da guide, non di esserci amici. Ricordo che durante le convivenze i catechisti mangiavano separati dagli altri membri della comunità, e non rivolgevano mai qualche battuta amichevole nei confronti degli altri. Erano staccati da noi, quasi fossimo sudditi verso i quali un gesto di convivialità poteva diminuire la loro autorità. Quando, nell'ultima Convivenza alla quale presi parte, durante la Penitenziale, quando ormai ero già piena di dubbi laceranti, dovuti anche alla lettura di un libro sul Cammino, parlai di queste cose con un prete, lui mi rispose che dovevo rimanere nel Cammino e, con tono risoluto, mi ordinò di bruciare quel libro. D'altra parte i catechisti dicevano di fare tutto in nome della Chiesa, per cui in qualche modo noi ci fidavamo ciecamente, tacitando i nostri dubbi e le nostre ritrosie. Quando poi parlavano i catechisti noi, io per prima, eravamo letteralmente terrorizzati. Io a volte per l'emozione sentivo di dovere andare in bagno.

Sono ricchi i catechisti?
M: Io non ho avuto la possibilità di verificarlo personalmente. Certo, come condizione economica quasi tutti i catechisti sono agiati: medici, professionisti… Però quando c'erano le convivenze loro non pagavano mai l'albergo, erano "i fratelli" a pagare per loro. Questo lo so con certezza perché, essendo stata nominata catechista, in una convivenza di ascolto sono stata esentata dal pagare.

Oltre la decima che altre richieste di denaro venivano fatte?
M: Per i seminari Redemptoris Mater, per i viaggi dei catechisti missionari… Quando c'era qualche passaggio che richiedeva la loro presenza, loro dovevano tornare, fosse pure per tre giorni, nelle loro città. Le spese dei loro viaggi le sostenevano le comunità più anziane della loro parrocchia di provenienza. Poi c'erano le raccolte per il Monte delle Beatitudini, in Terra Santa, dove si trova il centro di spiritualità neocatecumenale, le spese per pagare le baby sitter che le sere in cui ci sono le riunioni tengono i bambini piccoli dei membri della comunità.
Le racconto un fatto emblematico: le raccolte vengono fatte con un sacco nero, all'interno del quale ognuno deposita la sua offerta. Così ciascuno è libero di mettere quello che si sente. Anzi, ci veniva detto che dal sacco noi, se ne avevamo bisogno, potevamo anche prelevare liberamente dei soldi. Ma i sacchi per le raccolte erano di dimensioni enormi, sicché i soldi si trovavano sempre in fondo e per raccoglierli bisognava immergere il braccio in profondità. Così, se qualcuno voleva prendere e non versare denaro, se ne accorgevano tutti!

A parte i soldi vi chiedevano anche altri regali?
M: Non ci chiedevano mai espressamente dei regali a titolo personale ma di rinunciare all'attaccamento materiale. Durante lo Shemà (una particolare catechesi per scrutare il proprio attaccamento agli idoli, in preparazione al II passaggio), i catechisti chiedono ai candidati di staccarsi dai loro idoli, da mammona. Ci dicevano che eravamo idolàtri. Per testimoniare il nostro ripudio dei beni materiali ci chiedevano atti concreti, donazioni anche consistenti. Qualcuno è arrivato a donare anche beni immobili come terreni o appartamenti. In un'occasione ricordo che donai un anello con brillanti che avevo ricevuto da mio marito. In quella raccolta, che era destinata al finanziamento dei Redemptoris Mater non era stata raggiunta la cifra in denaro sufficiente; quindi, per raggiungerla, i catechisti ci dissero che potevamo anche offrire gli oggetti di valore che possedevamo. Prima di arrivare alla cifra desiderata si facevano anche tre o quattro giri con il sacco nero. Questa continua richiesta di denaro è stata una delle ragioni che mi ha fatto decidere di uscire. Spesso tornavo a casa senza più una lira.

Quante volte all'anno avvenivano queste raccolte?
C: Quando c'era la convivenza generale, una volta all'anno, all'inizio di autunno, per le convivenze regionali, poi ogni volta che si faceva una convivenza per il passaggio ad un'altra tappa del Cammino. Dopo il secondo passaggio veniva richiesta la decima, che si effettuava una volta al mese. Prima di allora, comunque, ogni settimana venivano fatte raccolte libere, per far fronte alle spese per la cura della sala dove si riuniva la comunità, per gli arredi sacri, ecc.

La celebrazione dell'eucarestia la facevate separatamente dal resto della comunità parrocchiale?
M: Sì, anche se era difficile trovare tanti sacerdoti disponibili il sabato sera. Perché ogni comunità celebra separatamente dall'altra.

Non vi sembrava strano fare la messa in questo modo?
C: Ora sì, ma allora ci sembrava naturale. Anche perché durante le celebrazioni, dopo la lettura del vangelo, c'erano le risonanze, ossia chi voleva poteva liberamente dire ciò che la Parola di Dio aveva comunicato alla sua vita, in termini molto concreti, quotidiani. Insomma, si creava un problema di riservatezza, anche nei confronti delle altre comunità; ci sembrava naturale che non venissero a sapere le nostre cose. Poi, purtroppo, le questioni personali non rimanevano mai nell'ambito della comunità.

Parliamo della confessione personale con il sacerdote…
M: L'unica persona che aveva un minimo di benevolenza nei nostri confronti era il sacerdote. Quindi per noi era comunque importante confessarci da lui, ottenere un poco di conforto. D'altra parte il presbitero era nella nostra stessa condizione: anche lui era nel Cammino, anche lui doveva fare le proprie confessioni davanti a noi. A noi era prescritto di non scendere mai ad un livello troppo personale con lui. Dovevamo limitarci a dirgli i peccati che avevamo commesso. A lui, allo stesso modo, era consentito solo di ascoltare la nostra confessione e di darci l'assoluzione. Non poteva in nessun modo farci la direzione spirituale, darci suggerimenti, incoraggiamenti. Quello era compito esclusivo dei catechisti. Insomma, del sacramento rimaneva solo l'aspetto più formale.

Come avveniva la confessione?
C: Ci si siedeva in cerchio per la liturgia penitenziale. Veniva letta la Parola di Dio, poi i sacerdoti si ponevano in mezzo al cerchio, si confessavano sottovoce uno con l'altro davanti a noi e dopo, in piedi, attendevano che anche noi ci confessassimo. Solo che era difficile, visto che l'ambiente non era parti-colarmente grande, che mentre ci si confessava la gente intorno non udisse ciò che si diceva. Allora per ovviare a questo durante le confessioni l'assemblea intonava dei canti, però tra un canto e l'altro c'era silenzio; allora bisognava stare attenti ad abbassare ulteriormente il tono della voce per non essere ascoltati.

È vero che dentro il Cammino si incita all'endogamia, cioè a sposarsi con persone interne al movimento?
M: Verissimo. Ho fatto così anch'io con mia figlia. Lei stava con un ragazzo che non era nel Cammino. Gli ho detto tante volte di farlo venire alle catechesi, ma lui non voleva. Io tormentavo mia figlia dicendogli che quel ragazzo non pensava secondo Cristo, che era lontano dalla Chiesa, la spingevo a lasciarlo. Nella mia casa sono avvenute litigate furibonde... era una cosa indescrivibile! Mia figlia alla fine è uscita dal Cammino. D'altra parte i catechisti ci dicevano sempre che era meglio costruirsi una famiglia vera, cristiana, con quelli che loro definivano "i figli di Israele": il paradosso è che "figli di Israele" erano considerati solo gli appartenenti al Cammino, per cui tra un ateo, un musulmano e un cristiano che non frequentava le catechesi per loro non c'era poi molta differenza.

Capitolo eucarestia: cosa mi dice?
M: Tremendo: anzitutto il Cammino, per l'eucarestia, usa il pane azzimo che molto più facilmente lascia briciole. Nessuno poi aveva cura di raccogliere queste briciole, che cadevano spesso per terra. I neocatecumenali non credono al sacrificio dell'eucarestia. Il pane consacrato doveva essere consumato tutto durante la celebrazione. E dopo? Non sono certa che per loro alla fine della Messa quel Pane fosse ancora il Corpo di Cristo dato che non si curavano minimamente delle briciole finite inavvertitamente per terra. Un sacerdote del Cammino che fa il cappellano militare a Livorno, con i parà della Folgore, un giorno mi disse: ma a che serve il tabernacolo? I primi cristiani non ce l'avevano!

Come avete accolto a giugno l'approvazione?
M: Per me è stato un dramma. Il cappellano militare a cui ho prima accennato me l'ha detto il giorno prima che la notizia fosse ufficiale. Ho pensato: ma dove è il papa? Mi sono sentita tradita dalla mia stessa Chiesa, quella che amo come una madre.

Voi eravate anche in contatto con l'arcivescovo di Cata-nia, mons. Bommarito…
C: Fu lui a contattarci perché voleva avere da noi una testimonianza. Se ne servì quando all'inizio del 2002 scrisse la sua lettera ai neocatecumenali.

E il successore di Bommarito, mons. Gristina, che posizione ha assunto?
M: So che a fine gennaio ha celebrato in cattedrale una messa di ringraziamento per l'approvazione del Cammino. Ma ormai non credo che nessun vescovo si possa sottrarre a queste celebrazioni ufficiali…
Chi è rimasto dentro, come vi tratta?
M: Siamo stati totalmente emarginati. Alcuni ci guardano con compassione o disprezzo, altri neanche ci guardano. Kiko stesso dice che nella Chiesa sono necessari i Giuda. Io sono una di quelli. Se non avessi la fede nella Chiesa, mi deve credere, sarei disperata. Ci sono stati anche suicidi nel Cammino.

Ci sono stati suicidi?
M: Ho ascoltato testimonianze di persone come me che affermano che qualche fratello uscito dal movimento è arrivato a suicidarsi per la solitudine e le sofferenze procurate loro. Io stessa conosco una sorella che, abbandonato il Cammino, ha tentato di uccidersi

Fonte:
http://www.cesap.net/index.php?option=c ... &Itemid=58
Trianello

Deus non deserit si non deseratur
Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Veterano
 
Messaggi: 1136
Iscritto il: gio mar 23, 2006 7:24 am
Località: Roma

Messaggioda alenis » dom dic 23, 2007 6:37 pm

tutto ok; tranne che per questo:


Capitolo eucarestia: cosa mi dice?
M: Tremendo: anzitutto il Cammino, per l'eucarestia, usa il pane azzimo che molto più facilmente lascia briciole. Nessuno poi aveva cura di raccogliere queste briciole, che cadevano spesso per terra. I neocatecumenali non credono al sacrificio dell'eucarestia. Il pane consacrato doveva essere consumato tutto durante la celebrazione. E dopo? Non sono certa che per loro alla fine della Messa quel Pane fosse ancora il Corpo di Cristo dato che non si curavano minimamente delle briciole finite inavvertitamente per terra. Un sacerdote del Cammino che fa il cappellano militare a Livorno, con i parà della Folgore, un giorno mi disse: ma a che serve il tabernacolo? I primi cristiani non ce l'avevano!



Kiko, nelle sue posizioni ufficiali, addirittura nelle prime catechesi, ha ribadito che il pane è corpo di Cristo; quindi ciò che dice questa coppia è falso. E' vero che col pane azzimo ci sono le briciole e tutto si complica; ma, almeno nella mia realtà, ho visto che i catechisti ci facevano la testa così sul fatto che il pane e il vino erano vera carne e vero sangue di Cristo; mi ricordo quando a un catechista cadde una briciola per terra; egli la prese e se la mangiò.
http://www.no1984.org non comprare HW o SW Trusted Computing
Avatar utente
alenis
Utente Senior
 
Messaggi: 200
Iscritto il: sab dic 22, 2007 3:50 pm

Messaggioda alenis » dom dic 23, 2007 7:27 pm

anche su questo ho da dire una cosa:

E il successore di Bommarito, mons. Gristina, che posizione ha assunto?
M: So che a fine gennaio ha celebrato in cattedrale una messa di ringraziamento per l'approvazione del Cammino. Ma ormai non credo che nessun vescovo si possa sottrarre a queste celebrazioni ufficiali…
Chi è rimasto dentro, come vi tratta?
M: Siamo stati totalmente emarginati. Alcuni ci guardano con compassione o disprezzo, altri neanche ci guardano. Kiko stesso dice che nella Chiesa sono necessari i Giuda. Io sono una di quelli. Se non avessi la fede nella Chiesa, mi deve credere, sarei disperata. Ci sono stati anche suicidi nel Cammino.


anche qui vale il detto : "paese che vai, usanza che trovi"; è vero che per alcuni catecumeni sono un "ingannato del demonio", eppure neanche questi ultimi mi escludono o mi denigrano. Io sono rimasto in buoni rapporti con molti di loro; è vero che ci si sente poco, sia perchè ho cambiato città, sia perchè l'unico motivo per cui ci incontravamo erano le riunioni del Cammino; ma questo è normale; un po' come quando uno frequenta un posto di lavoro o una palestra, e poi non ci va più; è normale che i contatti si perdano.

Quindi, anche se Kiko, parla dei "Giuda", lo fa in modo sommario e non molto preciso; insomma... non è come nei Testimoni di Geova che, se li lasci, Addio.

Una cosa per tutte: sono andato al pellegrinaggio a Loreto di quest'anno a Settembre proprio con loro; sono andato con un'altra comunità; loro sapevano che ero un ex, eppure mi hanno trattato benissimo come uno di loro. Alcuni mi hanno anche consigliato ed esortato a rientrare; ma questo è normale; capiterebbe ovunque.
http://www.no1984.org non comprare HW o SW Trusted Computing
Avatar utente
alenis
Utente Senior
 
Messaggi: 200
Iscritto il: sab dic 22, 2007 3:50 pm

Re: INTERVISTA A UNA COPPIA DI EX NEOCATECUMENALI

Messaggioda deby87 » gio feb 04, 2010 9:33 pm

mi fa davvero male leggere cose non vere???ma perchè dite questo?Io frequento il cammino neocatecumenale da 4 anni e ho sentito davvero molte menzogne in questa intervista ritengo che andrebbe tolta dal sito perchè sono delle parole che potrebbero influire negativamente su chi non conosce il cammino...nessuno vuole sapere nulla di te...anche nele diverse convivenze non si va mai sul personale in maniera così esagerata chi vuole parla di cosa vuole...chi no non importa ognuno avrà il suo tempo...poi quali regali...quale controllo sui miei soldi..anzi già il fatto che durante le convivenze i responsabili passono con un sacco nero della spazzatura dice tutto...cioè ki ha da ki nn ha non è un problema poichè il denaro non è nulla...poi badiamo bene che non è che vogliono soldi per i 3 o a volte 4 giorni che stanno con noi per catechizzare ma sono soldi che diamo per l'albergo non ci sono soldi aggiuntivi se non per fiori che offrino al Signore...e poi chiudo per quanto riguarda il Corpo di Cristo noi anche le piccole briciole prendiamo e il pane se fatto bene non crea poi briciole e peccato farlo cadere ...credo che chi parla ha avuto forse brutte esperienze ma da qui a dire questo mi fa male...cmq ci sono tante realtà e tanti cammini nella chiesa tutti buoni per incontrare Cristo.Non è che il cammino neocatecumenale sia migliore degli altri e ne tanto meno le persone che ci stanno dentro siamo tutti peccatori...Concludendo mi ricordo una frase del mio parroco e dei miei catechisti il cammino è nella Chiesa Cattolica La quale è Madre...quindi prima fra tutti la Chiesa e poi perchè no ance cammini che ci aiutono a conoscere il Signore poichè la Messa domenicale non può bastare,un' ora a settima, e poco per il Signore bisogna fare altro non per forza il cammino neocatecumenale ma qulasiasi altro cammino di fede.scusate se mi sono dilungata troppo...Ciao
deby87
Nuovo Utente
 
Messaggi: 3
Iscritto il: mer feb 03, 2010 7:32 pm

Re: INTERVISTA A UNA COPPIA DI EX NEOCATECUMENALI

Messaggioda Trianello » ven feb 05, 2010 7:21 pm

Non è censurando le parole di chi ha opinioni diverse dalle nostre che possiamo dimostrare che le nostre opinioni sono più fondate.
L'intervista in oggetto propone una critica ad una realtà ecclesiale che da molti anni subisce critiche da parte anche di insigni teologi (penso al caso del compianto E. Zoffoli, per esempio). Ovviamente, l'intervista in sé non può far testo relativamente ad una realtà amplissima e molto sfaccettata come quella del Cammino Neocatecumenale. Si tratta di una delle tante voci che siamo tenuti a dover ascoltare, però, e che non è nostro diritto censurare o considerare aprioristicamente come mendace solo perché dice cose che magari non ci va di ascoltare.
Trianello

Deus non deserit si non deseratur
Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Veterano
 
Messaggi: 1136
Iscritto il: gio mar 23, 2006 7:24 am
Località: Roma

Re: INTERVISTA A UNA COPPIA DI EX NEOCATECUMENALI

Messaggioda francocoladarci » dom feb 07, 2010 10:23 pm

Cara Debora, certo è un racconto che fa riflettere, non prendiamo tutto per “ oro colato”, ma sarebbe interessante conoscere cosa “in realtà” succede dentro queste comunità.
Vi sono molti movimenti o comunità che asseriscono di essere in comunione con la Chiesa, ma purtroppo a volte si riscontra che in realtà si trovano ai bordi della Chiesa.
Nel suo vecchio post, Alenis disse <<Quindi, anche se Kiko, parla dei "Giuda", lo fa in modo sommario e non molto preciso; insomma... non è come nei Testimoni di Geova che, se li lasci, Addio.>>.

Se io dovessi dare un giudizio in base “ solo” alla lettura di questa esperienza, direi che in ambedue i movimenti sia i primi come pseudo - cattolici che i Testimoni di Geova come fondamentalisti di cristiano hanno ben poco, poiché ambedue hanno caratteristiche di movimenti autoritari.
Quindi a mio parere ciò che viene esaminato deve essere oggettivo, riflettendoci in ciò che dice il Magistero della Chiesa e non in ciò che dice qualche “ illuminato” di qualsiasi sponda esso sia.
Ciao
Franco
Avatar utente
francocoladarci
Nuovo Utente
 
Messaggi: 141
Iscritto il: mer giu 04, 2008 7:08 pm

Re: INTERVISTA A UNA COPPIA DI EX NEOCATECUMENALI

Messaggioda Trianello » lun feb 08, 2010 10:01 am

Non si dimentichi che l'intervista è stata postata come materiale per la discussione e che in nessun modo questa rappresenta l'opinione del GRIS o di uno dei suoi membri relativamente al movimento ecclesiale in oggetto. I Forum sono fatti per discutere, infatti, e non è che si può discutere sempre solo di ciò che ci piace o ci fa comodo, altrimenti non faremmo che cantarcela e suonarcela. C'è chi ha mosso critiche severe al Cammino Neocatecumenale (e, come ricordavo nel mio precedente post, si è trattato, a volte, di insigni teologi, individui di sana e profonda dottrina cattolica) a noi non rimane che prenderne atto e discuterne.
Del resto non spetta al GRIS stabilire se il Cammino Neocatecumenale sia o non sia da considerarsi "ortodosso", ma agli organi che la Santa Madre Chiesa ha preposto a questo scopo. A quanto mi risulta, tali organi hanno già preso delle importanti decisioni in merito, dichiarando che non c'è nulla di eterodosso in questo (almeno in lina di principio), quindi, da questo punto di vista, la discussione è chiusa. A noi non rimane che analizzare le eventuali derive settarie a cui, eventualmente, questo Movimento Ecclesiale avesse dato vita, cercando ci comprenderne il perché ed il percome.
Trianello

Deus non deserit si non deseratur
Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Veterano
 
Messaggi: 1136
Iscritto il: gio mar 23, 2006 7:24 am
Località: Roma

Re: INTERVISTA A UNA COPPIA DI EX NEOCATECUMENALI

Messaggioda deby87 » mar feb 09, 2010 9:43 pm

mi fa piacere leggere le vostre risposte vi posso soltanto dire che qualsiasi dubbio possa sorgere nella vostra mente sul cammino sono a vostra totale disposizione per qualsiasi chiarimento...tengo a precisare che io non parlo così diciamo a vanvera ad oggi o meglio è dal 2008 che il cammino è stato approvato dalla Chiesa quindi il mio sconcerto sorge già nel momento stesso in cui trovo che si parli di cammino neocatecumenale nella sezione di realtà sospette!!!ma sospette cosa!!!è tutto questo che puo far credere alle persone è far credere che si trati di un cammino a se ,distaccato dalla Chiesa,simile ai TESTIMONI DI GEOVA che con tutto il rispetto non fanno parte della nostra Chiesa...cmq per chi ritenesse che ancora il cammino fosse in via di approvazione ad experimentum il quinquennio è trascorso e quindi la Chiesa si è pronuncita a riguardo ,ci tenevo ad allegare quanto segue:
Il Santo Padre Benedetto XVI,rivogendosi ai membri del cammino neocatecumenale il 12 gennaio 2006,ha affermato:"la vostra azione apostolica intende collocarsi nel cuore della Chiesa,in totale sintonia con le sue direttive e in comunione con le Chiese particolari con cui andrete ad operare ,valorizzando a pieno i carismi che il SIGNORE ha suscitato attraverso gli iniziatori del Cammino.
DECRETO DEL
PONTIFICIO CONSIGLIO PER I LAICI:
APPROVAZIONE DEFINITIVA
DELLO STATUTO DEL CAMMINO NEOCATECUMENALE
decreta
l'approvazione definitiva dello statuto del Cammino Neocatecumenale debitamente autenticato dal Dicastero e depositato in copia nei suoi archivi. Ciò nella fiducia che queste norme statutarie costituiscano linee guida ferme e sicure per la vita del Cammino e che esse siano di aiuto ai Pastori nel loro paterno e vigile accompagnamento delle comunità neocatecumenali nelle Chiese particolari.
Dato in Vaticano l'11 maggio 2008, solennità di Pentecoste
Scusate se sono stata prolissa ma ci tenevo ad essere completa nei miei discorsi sorry grazie :D
deby87
Nuovo Utente
 
Messaggi: 3
Iscritto il: mer feb 03, 2010 7:32 pm

Re: INTERVISTA A UNA COPPIA DI EX NEOCATECUMENALI

Messaggioda Trianello » mer feb 10, 2010 5:52 pm

Questa intervista è stata rilasciata nel 2003 ed è stata postata nel Forum all'inizio del 2007 come materiale per la discussione. All'epoca l'esame dei catechismi del Movimento Neocatecumenale era ancora in corso. Oggi, alla luce dell'approvazione degli stessi da parte degli organi competenti, abbiamo un importante elemento grazie al quale poter stabilire che lì dove eventuali "abusi" e derive "eterodosse" in seno al Cammino vi siano state, queste sono state di natura contingente e non legate allo spirito con cui il medesimo è nato e si è sviluppato. Le testimonianze di chi ha vissuto la propria esperienza nel Cammino Neocatecumenale in modo negativo rimangono e sono elementi su cui riflettere. Da coerenti figli della Chiesa, i membri del GRIS chinano il capo rispetto a quanto stabilito da chi nella Chiesa ha il compito esclusivo di deliberare in merito a determinati argomenti. Questa discussione può pertanto dirsi esaurita.
Trianello

Deus non deserit si non deseratur
Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Veterano
 
Messaggi: 1136
Iscritto il: gio mar 23, 2006 7:24 am
Località: Roma


Torna a Esperienze

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron