San Giovanni Crisostomo - Sulla fine del mondo

Pensieri vari, spunti, suggerimenti, approfondimenti... tutti in tema di MRA.

Moderatore: berescitte

San Giovanni Crisostomo - Sulla fine del mondo

Messaggioda Trianello » dom giu 19, 2011 3:50 pm

Che guadagno ne avremmo, dimmi, se conoscessimo il tempo della fine del mondo? Poniamo che sia tra vent'anni, tra trent'anni, tra cento anni: a noi che importa? Per ciascuno la fine del mondo non è forse il termine della sua vita? Perché ti dai tanto da fare e tanto ti travagli per la fine del mondo? Anche qui, come negli altri casi, trascuriamo ciò che ci riguarda e ci preoccupiamo dei fatti altrui; diciamo: Quel tale è impudico, è adultero; costui ha compiuto una rapina, ha trattato ingiustamente il prossimo. Delle sue cose nessuno tiene conto, ma cura assai di più tutto il resto. Così anche in questo caso: invece di preoccuparci per la nostra fine particolare, vogliamo sapere quando sarà la fine del mondo. Quale collegamento c'è fra le due cose? Se ti prepari bene alla tua fine, quell'altra non ti recherà certo danno. Sia lontana, sia vicina: ciò non ci riguarda affatto. E per questo il Cristo non ne ha voluto parlare, perché non è di utilità alcuna.

Omelie sulla prima lettera ai Tessalonicesi, 9, 1
Trianello

Deus non deserit si non deseratur
Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Veterano
 
Messaggi: 1136
Iscritto il: gio mar 23, 2006 7:24 am
Località: Roma

Re: San Giovanni Crisostomo - Sulla fine del mondo

Messaggioda opepo » dom giu 19, 2011 9:21 pm

PAROLE SANTE....devo ricordarmi di pagargli da bere
Avatar utente
opepo
Nuovo Utente
 
Messaggi: 77
Iscritto il: mar lug 06, 2010 2:19 pm

Re: San Giovanni Crisostomo - Sulla fine del mondo

Messaggioda Trianello » lun giu 20, 2011 6:30 am

Non se lui accetterebbe, però. Sai?, è un tipo estremamente morigerato. :)
Trianello

Deus non deserit si non deseratur
Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Veterano
 
Messaggi: 1136
Iscritto il: gio mar 23, 2006 7:24 am
Località: Roma

Re: San Giovanni Crisostomo - Sulla fine del mondo

Messaggioda francocoladarci » ven giu 24, 2011 6:02 pm

Sulla “fine del mondo” il cristiano si è sempre interrogato, “ quando avverranno queste cose?”, così come i Tessalonicesi interrogarono San Paolo sulla “venuta del Signore”, chiedendo spiegazioni, facendo domande, ed anche l’apostolo in una certa misura attendeva questa “Parusia” del Cristo, basta leggere come rispose ai Tessalonicesi, quei cristiani volevano sapere, San Paolo voleva sapere era in loro vivo il desiderio, l’attesa della venuta del Signore.

Evidentemente il pensiero, il desiderio di quei cristiani e di Paolo stesso doveva aspettare, e ciò è dimostrato nella seconda lettera ai Tessalonicesi (non di Paolo) la quale invita il cristiano alla perseveranza, alla sopportazione, a coltivare l’amore del Cristo, a difendere i suoi insegnamenti, giacché sarebbe apparso l’anticristo cercando di causare non poche difficoltà alla Chiesa.

Ecco dunque, le parole di San Giovanni Crisostomo si collocano su quello che veramente è più importante per il cristiano, riguardo alla fine, giustamente afferma, quella fine potrebbe essere la nostra fine, la fine della vita terrena, che in ogni modo doveva finire, e quella fine è per noi "come" la fine del mondo, poiché non si avrà più nulla a che fare con il mondo che conosciamo.
Ecco allora che il cristiano non vive per la “Parusia”, non aspetta la fine del mondo, poiché nel mondo egli è il “mondo” la sua fine è dunque la fine del” mondo”, egli vive per Cristo, gioisce per Cristo, soffre per Cristo e muore in Cristo, il cristiano non fa del tempo un cronometro ove vedere nel quadrante “quando manca”, ma si rende alleato del tempo perfezionando il suo essere cristiano.

La Terra è per l’uomo, l’uomo è per Dio, come in una palestra ci si allena per avere un corpo efficiente, così la Terra, nella terra e nel suo tempo l’uomo costruisce “mattone dopo mattone” la sua struttura da cristiano, poiché la sua “casa” non è più sulla terra ma presso il suo Padre Amorevole.
E’ dunque importante conoscere quando verrà la “fine del mondo” per il cristiano? No, sapere quando “verrà” non è di nessun beneficio per la “Nostrae Salutis Causa”.
Franco
Avatar utente
francocoladarci
Nuovo Utente
 
Messaggi: 141
Iscritto il: mer giu 04, 2008 7:08 pm

Re: San Giovanni Crisostomo - Sulla fine del mondo

Messaggioda catechista » gio giu 30, 2011 5:59 pm

Voglio dire una cosa peregrina, mettendomi nella condizione della semplicità dei bambini.
Io preferisco morire prima della fine del mondo perché se avviene mentre sono viva mi perdo gran parte dello spettacolo. :D
piantiamo un Sicomoro in giardino su cui i figli possano salire per vedere Gesù
Avatar utente
catechista
Nuovo Utente
 
Messaggi: 34
Iscritto il: mer mar 01, 2006 10:59 am
Località: ROMA


Torna a Pensatoio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron