Apologetica

Pensieri vari, spunti, suggerimenti, approfondimenti... tutti in tema di MRA.

Moderatore: berescitte

Re: Apologetica

Messaggioda Armando » mar feb 07, 2012 2:35 pm

Ho alcuni libri anche io che ho solo iniziato a leggere. Forse perchè non è la lingua originale l'italiano, ma li trovo un pò difficili. Mi sembra, e con la prudenza di chi non conosce lo dico, che abbia una visione della religione di tipo consumistica. Inoltre mi sembra che la differenza tra setta e chiesa per lui sia l'attrito con il resto della società circostante (gloria di Dio pag.19), con il paradosso che la stessa Chiesa cattolica sarebbe una setta in paesi come la Cina per esempio.
Ha sicuramente un'utilità questo autore, ma alcune affermazioni come quella delle due chiese (e altre, ma certo non quelle che hai detto tu) non mi sembra rendano giustizia.
HO visto che conosci lo studio fatto da Stark sui TdG, se non l'hai ti mando quello sui mormoni, sempre in inglese.
The Rise of Mormonism
Armando
Nuovo Utente
 
Messaggi: 166
Iscritto il: mar giu 15, 2010 5:19 pm
Località: Roma

Re: Apologetica

Messaggioda Trianello » ven feb 10, 2012 10:22 am

Stark ha semplicemente applicato schemi economici per leggere i fenomeni religiosi. Ecco perché parla di "mercato religioso". Non perché consideri la religione come un bene di consumo. Lui stesso ha dichiarato in quello che è forse il suo studio più importante, La scoperta di Dio ("scoperta", non "invenzione"), di essere stato un agnostico per molti anni e di aver aderito alla fede cristiana proprio in seguito alle sue ricerche.
Stark nota come tutti i movimenti religiosi iniziano come movimenti "settari", nel senso di movimenti "separati" rispetto alla religione dominante e, da principio, tendono ad accogliere le persone che necessitano di una vita religiosa caratterizzata da una forte tensione spirituale. Inevitabilmente, però, superato un certo punto critico, tutte le religioni devono "istituzionalizzarsi", questo perché non tutti sono disposti a vivere per la propria religione (così come fanno i membri dei movimenti a carattere settario). Come diceva l'Apostolo, infatti, Dio dona agli uomini varietà di carismi. Ecco perché Stark parla di una Chiesa della pietà (composta dagli individui religiosamente più coinvolti) affiancata ad una Chiesa istituzionale, i cui membri, ovviamente, sono storicamente stati più esposti alla corruzione. Questo non significa che le due Chiese siano dei compartimenti stagni o due entità nettamente separate, anzi, spesso e volentieri, specialmente nella Chiesa cattolica, membri della Chiesa della pietà sono giunti ad occupare posti di primissimo rilievo nella Chiesa istituzionale (è il caso, ad esempio, dei tanti vescovi e papi che poi sono stati proclamati santi).
Trianello

Deus non deserit si non deseratur
Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Veterano
 
Messaggi: 1136
Iscritto il: gio mar 23, 2006 7:24 am
Località: Roma

Re: Apologetica

Messaggioda Citocromo » mar apr 03, 2012 9:33 am

Perchè Credo nella Chiesa del Cristo
di Girolamo Grillo 03-04-2012

Proseguiamo con le riflessioni tratte dall'ultimo libro di mons. Girolamo Grillo "Perchè credo. I miei interrogativi sulla fede" (Marietti, pp. 300 euro 28), con prefazione di mons. Luigi Negri.

Perché nel Credo o Simbolo Apostolico si usa l’espressione «Credo la Chiesa» e non nella Chiesa? La domanda non è superflua, ma di grande importanza. Si deve partire, infatti, da una esatta concezione della Chiesa per capirne il significato. La Chiesa, in realtà, in una chiara concezione teologica è anzitutto la sposa di Cristo, che Egli, morendo sulla croce, dalla quale è nata, ha lavato con il suo sangue, al fine di poterla amare con una infinita tenerezza nuziale. Ecco perché essa diventa subito il suo corpo mistico, attraverso il quale tutti gli uomini possono attingere alla sua vita e quindi raggiungere la salvezza. In secondo luogo la Chiesa è quel popolo di sacerdoti, re e profeti, di cui si diventa parte con il battesimo e di cui si diviene annunciatori e messaggeri nel mondo.

Evidentemente la Chiesa è nata da una volontà esplicita di Gesù, la qual cosa ci consente di poterla amare, prima ancora e al di là delle strutture e delle istituzioni gerarchiche, anche se queste ultime, come vedremo, sono state volute dallo stesso Gesù. La Chiesa realizza, inoltre, il mistero trinitario, nel senso che le tre Persone divine concretizzano magnificamente anche il sogno di ogni comunità umana, familiare o politica, che è quello di costituire un’unità, pur restando molti: l’unità nella diversità. È con grande stupore che, guardando così la Chiesa, si può vedere in essa un’unica comunità, nella quale sono salvaguardate le personalità dei singoli e l’unità di tutti. La Chiesa, in altri termini, è l’immagine della santissima Trinità.

Ecco perché Gesù, nella preghiera dell’ultima Cena, rivolgendosi al Padre, eleva un’invocazione angosciante: «Che siano tutti una cosa sola, come Tu e io siamo una cosa sola» oppure «Come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch’essi in noi una cosa sola, perché il mondo creda che tu mi hai mandato» (Gv 27,21). Ed ecco perché ogni cristiano autentico, quando pronuncia le parole «credo la Chiesa», deve sentirsi inondato da una forza misteriosa, cioè dal mistero della santissima Trinità, che è un oceano d’amore. Vivere la Chiesa è come vivere in seno al mistero trinitario, mistero che illumina l’intera condizione umana. Come ciascuna delle tre Persone divine trova la sua pienezza nelle altre, così anche noi credendo la Chiesa e vivendo la Chiesa siamo immersi in un grande abisso d’amore, che ci libera da ogni tristezza e ci assicura la vera gioia.

Abbiamo ritenuto opportuno insistere su questa premessa proprio per fare notare quanto sia inesatta l’espressione udita spesso sulla bocca di molti nostri contemporanei: «Credo in Cristo, ma non nella Chiesa». Di certo, la cosa non può che rattristarci, se l’espressione, più che alla Chiesa, dovesse riferirsi ad uomini di chiesa che non sempre si comportano dignitosamente. Gli scandali e i tradimenti nella Chiesa, purtroppo, ci sono sempre stati, fin dall’epoca Apostolica. Ma se la Chiesa, nonostante tali scandali, come una barca, è rimasta sempre a galla, ciò sta a dimostrare chiaramente che essa è veramente di origine divina. La Chiesa, infatti, è nata da una volontà esplicita di Gesù. Non risponde affatto a verità quanto nel 1902 ha affermato Alfred Loisy in L’Évangile et l’église e cioè che «Gesù annunziò il Regno e invece nacque la Chiesa», per iniziativa dei suoi seguaci, i quali crearono delle strutture per cercare di affrontare meglio la fine del mondo che essi ritenevano imminente. No!

Basterebbe rileggere un tantino le ben note “parabole del Regno”, in cui la Chiesa è descritta da Gesù come una realtà destinata a svilupparsi lentamente. Egli ricorre, ad esempio, alla parabola del “granello di senapa”, che è il più piccolo di tutti i semi, ma dal quale spunterà un grande albero; alla parabola del “campo”, dove bisogna lasciare crescere il grano e la zizzania fino al giorno della mietitura, e a quella della “rete da pesca” destinata a pescare pesci buoni e pesci cattivi. Gesù ha inoltre la coscienza che i suoi discepoli vivranno a lungo sulla terra, come si può dedurre dal fatto che Egli li invia nel mondo a predicare la buona novella a tutte le creature, cosa che certamente non avrebbe potuto realizzarsi dalla mattina alla sera.

Non si può pretendere, pertanto, di scindere Cristo dalla sua Chiesa, di credere all’uno, senza credere alla sua Sposa e al suo Corpo. Non si può credere a Cristo, quindi, senza credere alla sua Chiesa. Così il Regno di Dio annunziato da Gesù si inserisce nella storia, facendo irruzione nel presente e nell’attualità; ragion per cui il Regno è creatore di vincoli che tendono progressivamente a conquistare tutta la famiglia umana. Ecco perché i cattolici hanno sempre identificato la Chiesa e il Regno, conferendo alla comunità cristiana le caratteristiche stesse del regno di Dio. Il Concilio Vaticano II ha percepito chiaramente questa prospettiva, quando nella Lumen Gentium ha affermato che la Chiesa costituisce in terra il germe e l’inizio di questo regno (cfr. n. 5).

da www.labussolaquotidiana.it
Citocromo

Mi sembra che si debbano ricondurre gli uomini alla speranza di trovare la verità. (Sant'Agostino, Lettere, 1,1)
Avatar utente
Citocromo
Nuovo Utente
 
Messaggi: 167
Iscritto il: mer giu 16, 2010 1:15 pm
Località: Bologna

Re: Apologetica

Messaggioda Citocromo » sab giu 02, 2012 10:28 am

Chesterton: la civiltà si fa in chiesa

Senza certe dispute teologiche non ci sarebbe la grande arte dell'Occidente, senza Tommaso d'Aquino non avremmo l'economia moderna... Col consueto stile apologetico paradossale lo scrittore inglese così scriveva nel 1932 su una rivista italiana

http://rassegna.camera.it/chiosco_new/p ... cle=1FOSY9
Citocromo

Mi sembra che si debbano ricondurre gli uomini alla speranza di trovare la verità. (Sant'Agostino, Lettere, 1,1)
Avatar utente
Citocromo
Nuovo Utente
 
Messaggi: 167
Iscritto il: mer giu 16, 2010 1:15 pm
Località: Bologna

Precedente

Torna a Pensatoio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron